Fiorellino, lui ti ama, lo vuoi capire?

Scrivimi ancora - Cecelia Ahern

Oggi ti amo più che mai; domani ti amerò anche di più. Ho bisogno di te più che mai; ti voglio più che mai.

Io amo Hunger Games. Amo i libri e amo i film. E nei film c'è un ragazzo - un uomo - Sam Claflin, tanto bellino e bravo e insomma, tanta roba. Perciò immaginate la mia faccia quando, tra le innumerevoli pubblicità, mi è spuntato il trailer del film basato su Scrivimi ancora: non so se sono l'unica, ma ogni volta che un attore protagonista di un film che io ho amato ne fa un altro, in qualche modo, mi sento obbligata a vederlo. E se questo film è tratto da un libro, devo prima leggere il libro, così ho raggiunto il livello di tranquillità normale solo dopo aver avuto questo libro tra le mani. Ammetto di averlo fatto aspettare tanto, ma un po' la paura di rimanere delusa, un po' il mio essere scettica su una storia d'amore basata solo su epistole, non ero poi tanto convinta di cominciarlo. Ecco, tutto questo excursus, per arrivare al momento in cui, con sette ore e mezzo di treno davanti, ho preso coraggio e ho cominciato a leggerlo ... Sono ancora indecisa se picchiarmi per aver aspettato tanto o no. 

Partiamo dal principio: Rosie e Alex, i due protagonisti, sono amici dall'infanzia. Migliori amici. Frequentano la stessa scuola, la stessa classe ... sono persino compagni di banco fino all'ultimo anno di superiori! La loro dolcissima amicizia comincia con bigliettini scambiati tra una lezione e l'altra, per poi passare a chat, messaggini e mail. Un'amicizia telematica, per la maggior parte delle volte, ma forte e resistente anche se un oceano li divide. E' un'amicizia che, come la maggioranza delle amicizie uomo-donna, comincia sin da subito a trasformarsi in qualcosa di più ... e il decorso verso l'amore, prende piede con i 'meravigliosi silenzi' che Alex sente solo quando c'è Rosie. E che anche Rosie sente solo quando c'è Alex. Però, come ogni buona storia d'amore che si rispetti, il percorso non è mica facile, anzi: in pratica, sono circa trecento pagine di ansia e aspettative che puntualmente vengono mandate per aria. Rosie e Alex si dichiarano nei momenti meno opportuni, anticipandosi o posticipandosi [dipende dai punti di vista] di mesi, settimane ... addirittura giorni, come se il loro destino fosse quello di essere solo amici. E come se non bastasse, in mezzo ci si mettono anche mogli antipatiche e "sgualdrine", mariti ficcanaso e figli che richiedono attenzioni! Insomma, questo amore non s'ha da fare! 

Nonostante le reticenze iniziali, e nonostante l'università che ruba tutto il mio tempo libero, è stata davvero una bella lettura. Divertente, ironica, un po' deprimente in alcuni punti, ricca d'ansia e di tachicardia. Una lettura da coperte, thè tra le mani e pioggia che batte sui vetri. Una lettura dolceamara, nostalgica ... perfetta se si vuole versare qualche lacrima e, allo stesso tempo, si ha bisogno di ridere.